“L’urgenza” di perdere peso velocemente

Nella pratica clinica abbraccio un approccio non prescrittivo e non focalizzato sul peso.

Non è prevista una manipolazione diretta del peso ma l’obiettivo è accompagnare il paziente verso un benessere pieno, autentico e personalizzato tramite una buona relazione con il cibo e un’immagine corporea positiva.

È un approccio difficile da abbracciare e da seguire perché le pressioni sociali al peso e alla salute sono pervasive e interiorizzate al punto che il desiderio di mettersi a dieta spesso ritorna minaccioso e fastidioso. 

“Dottoressa comprendo che lavorare così sia più funzionale per me, ma ho urgenza di perdere peso velocemente. In questo momento non riesco ad avere fiducia in un percorso non focalizzato sul peso”.

È normale in un contesto di pressione sociale alla magrezza e al salutismo (erroneamente associato al peso) desiderare un dimagrimento rapido.

Purtroppo è esattamente l’opposto della salute e anche l’immagine corporea (come ci si vede, sente o percepisce) non migliora con il dimagrimento.

L’unica cosa che migliora? Il grado di discriminazione (che ovviamente si riduce).

Di quale discriminazione parlo? Della grassofobia (letteralmente paura del grasso, paura di ingrassare).

Ma sapete cosa mi dicono i miei ex pazienti? Raggiungere il proprio equilibrio dà una sensazione di benessere impagabile rispetto a qualunque altro percorso di dieta classico.

Concentrarsi solo sul peso non offre una visione completa della salute e del benessere.

Provare per credere.

Ti è piaciuto? condividilo?

Hai una domanda?